Arte ,Cultura


WELCOME TO ROME

dal 21/10/2017 al 31/12/2017

CINEMA AUGUSTUS

ROMA (RM)

"Welcome to Rome", un emozionante viaggio multimediale nella storia di Roma

Il nuovo progetto di Paco Lanciano, co-ideatore di Viaggio nei Fori

Un'esperienza unica per capire la grandezza di Roma e ciò che ha rappresentato nel corso del tempo, immergendosi nella sua storia millenaria.

Una grande "macchina del tempo" che racconta la città, le sue storie e le sue evoluzioni urbanistiche, architettoniche ed artistiche. Una multi-proiezione spettacolare e plastici interattivi, una sorta di mappa di riferimento per leggere, conoscere, comprendere e apprezzare meglio una città unica al mondo.

"Welcome to Rome" è un'esperienza di apprendimento appassionante ed emozionante e, perché no, anche divertente

Per saperne di più...

GIUDIZIO UNIVERSALE
MICHELANGELO AND THE SECRETS OF THE SISTINE CHAPEL
dal 16/03/2018 al 15/04/2018
Auditorium Conciliazione ROMA

L'arte incontra lo spettacolo. Un viaggio straordinario che permette allo spettatore di immergersi completamente nelle meraviglie della CAPPELLA SISTINA, scoprirne la storia e i segreti e vivere un'esperienza senza precedenti, grazie all'innovativa modalità di fruizione. Proiezioni immersive a 270 gradi, performer dal vivo, musiche originali di grande impatto e spettacolari effetti scenici. Un impianto teatrale e tecnologico unico al mondo restituisce la potenza del capolavoro di Michelangelo in un racconto che lascia il pubblico senza fiato. Un'esperienza emotiva, estetica e spirituale.

Durata: 60 minuti

uno show di Marco BALICH
tema musicale STING
supervisione teatrale Gabriele VACIS

uno spettacolo di Artainment Worldwide Shows

realizzato con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani.

Per saperne di più...

NASA - A HUMAN ADVENTURE

dal 29/09/2017 al 04/03/2018

Spazio Ventura XV - Milano Lambrate

NASA - A Human Adventure è un viaggio di conquiste e di scoperte che si estende per 1500 metri quadri, tra razzi, Space Shuttle, Lunar Rover, in un percorso didattico ed emozionante, scientifico e immersivo, che va dal primo lancio nello spazio ai giorni nostri e che presenta circa 300 manufatti originali provenienti dai programmi spaziali NASA, la maggior parte di essi in prestito dal Cosmosphere International Science Education Center and Space Museum e dal U.S. Space & Rocket Center, molti dei quali sono stati nello spazio. Lungo il percorso espositivo i visitatori potranno ammirare le splendide astronavi costruite dalla NASA e scoprire le storie delle persone che vi sono state a bordo o che le hanno progettate e costruite.

Una grande opportunità per scoprire oggetti unici come la replica fedele del gigantesco razzo lunare Saturn V, la pioneristica navicella Mercury, il modulo dell'Apollo che portò il primo essere umano sulla Luna e il Rover Lunare che servì agli astronauti per esplorarla. Inoltre, in mostra si potrà vedere il ponte di volo e il ponte di mezzo dove gli astronauti mangiano, dormono e lavorano sugli esperimenti.

Ma i visitatori potranno anche sperimentare una simulazione di volo a "bordo" del Mercury Liberty Bell 7 dove si trovava l'astronauta Gus Grissom. In mostra è infatti presente anche il simulatore "G-Force - Astronaut Trainer" che permetterà al pubblico di sperimentare una sorta di grande salto adrenalinico, proprio grazie alla forza di gravità generata.

Per saperne di più...

Antonio Ligabue 

dal 10 Ottobre 2017 al 28 Gennaio 2018 

Cappella Palatina del Castel Nuovo - Maschio Angioino

La mostra “Antonio Ligabue” presenta, attraverso oltre ottanta opere, tra cui cinquantadue oli, sette sculture in bronzo, una sezione dedicata alla produzione grafica con otto disegni e quattro incisioni e, una sezione introduttiva sulla sua incredibile vicenda umana, un excursus storico e critico sull’attualità dell’opera di Ligabue, che rappresenta ancora oggi una delle punte più interessanti dell’arte del Novecento. 

La mostra

La rassegna monografica “Antonio Ligabue” intende far conoscere i diversi esiti dell’opera dell’artista, nel corso della sua attività (dagli anni Venti al 1962), declinati nelle diverse tecniche attraverso le quali Ligabue si è espresso. La mostra, anche attraverso le scelte di allestimento, rivisita lo sviluppo cronologico (suddiviso in tre periodi, sulla base dello schema interpretativo messo a punto da Sergio Negri) e lo scavo nei motivi cui si dedicò: gli animali esotici e feroci, impegnati in una perenne contesa per la loro sopravvivenza, ma anche quelli vicini all’uomo nella vita domestica e nel lavoro dei campi. Ligabue studiava accuratamente l’anatomia degli animali che rappresentava e le posture tipiche assunte nelle fasi della caccia o del lavoro, desunte dall’osservazione diretta e da varie fonti iconografiche (le figurine Liebig, “La vita degli animali” di Brehm, la frequentazione dei Musei Civici di Reggio Emilia); reinventa il semplice dato di partenza attraverso una pittura in cui si fondono visionarietà espressiva (sia nelle forme che nel colore) e il ricorso a elementi puramente decorativi (i mantelli degli animali, la vegetazione, le carte da parati negli interni, i tessuti delle giacche). Va rimarcato che in molti dei suoi paesaggi padani irrompono, sullo sfondo, raffigurazioni assolutamente reali dei castelli e delle case della natia Svizzera, immagini di quelle radici che tenacemente conservava nella sua memoria. Gli straordinari autoritratti, infine, rappresentano un’orgogliosa dichiarazione del suo valore di artista e della sua identità di persona spesso dileggiata e irrisa – si può affermare che Ligabue visse come “straniero in terra straniera” – e l’impietosa descrizione dei tratti del suo volto, segnati da sentimenti di solitudine e disagio esistenziale, e dal costante presagio dell’esito finale

Per saperne di più...

CITTA' DELLA SCIENZA

CORPOREA - PLANETARIO 3D - SCIENCE CENTRE

Il primo museo interattivo in Europa sul corpo umano.
Uno straordinario viaggio dedicato alla sua conoscenza.
13 isole tematiche ed oltre 100 exhibits interattivi per scoprire il corpo umano.

I visitatori, in particolare i più giovani, potranno partecipare esplorando una grande mostra interattiva, laboratori didattici, installazioni multimediali, ma anche attraverso lo svolgimento di attività didattiche, incontri e sportelli informativi
I contenuti delle mostre sono proposti in lingua italiana, inglese e cinese.

9.30-Robot Explorer (3d) Solo il Sabato

10.30-Dalla Terra all’Universo (2D)

11.30-Robot Explorer (3D)

12.30-Dalla Terra all’Universo (2D)

13.30-Robot Explorer (3D)

14.30-Dalla Terra all’Universo (2D)

15.30-Robot Explorer (3D)

16.30-Robot Explorer (3D) Solo la Domenica

Museo Cappella Sansevero

Situato nel cuore del centro antico di Napoli, il Museo Cappella Sansevero è un gioiello del patrimonio artistico internazionale. Creatività barocca e orgoglio dinastico, bellezza e mistero s'intrecciano creando qui un'atmosfera unica, quasi fuori dal tempo.

Tra capolavori come il celebre Cristo velato, la cui immagine ha fatto il giro del mondo per la prodigiosa "tessitura" del velo marmoreo, meraviglie del virtuosismo come il Disinganno ed enigmatiche presenze come le Macchine anatomiche, la Cappella Sansevero rappresenta uno dei più singolari monumenti che l'ingegno umano abbia mai concepito.

Un mausoleo nobiliare, un tempio iniziatico in cui è mirabilmente trasfusa la poliedrica personalità del suo geniale ideatore: Raimondo di Sangro, settimo principe di Sansevero.

Orari

Tutti i giorni: 09.30-18.30

Ultimo ingresso consentito fino a 30 min. prima della chiusura

Chiuso il martedì

tariffe

Biglietto ordinario: € 7,00

Ragazzi da 10 a 25 anni: € 5,00

Artecard: € 5,00

Soci FAI: € 5,00

Scuole*: € 3,00

Bambini fino a 9 anni: gratis

Audioguida: € 3,50

Dal 19 al 23 giugno 2017 la sacrestia, adibita a bookshop, sarà chiusa per lavori di rinnovo.

Il Museo resterà regolarmente aperto secondo i consueti orari e senza altre limitazioni.

Ci scusiamo per il disagio.

Per saperne di più...

PICASSO - TRA CUBISMO E CLASSICISMO: 1915 - 1925

dal 22/09/2017 al 21/01/2018

SCUDERIE DEL QUIRINALE ROMA (RM)

"Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925", a Roma dal 22 settembre 2017. A cento anni dal viaggio in Italia che segnò tanto la sua arte quanto la sua vita privata le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso con una grande mostra con prestiti da musei e collezioni eccellenti: dal Musée Picasso e dal Centre Pompidou di Parigi alla Tate di Londra, dal MoMa e dal Metropolitan Museum di New York al Museum Berggruen di Berlino, dalla Fundació Museu Picasso di Barcellona al Guggenheim di New York.

Per saperne di più...

COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM

Palazzo Venier dei Leoni
VENEZIA (VE)

La Collezione Peggy Guggenheim è il museo più importante in Italia per l'arte europea e americana del XX secolo creato dall'ereditiera americana Peggy Guggenheim (1898-1979). Ha sede a Venezia, a Palazzo Venier dei Leoni sul Canal Grande, in quella che fu l'abitazione della mecenate americana. Inaugurato nel 1980, oltre a presentare la collezione personale di Peggy Guggenheim, il museo ospita i capolavori della Collezione Hannelore B. e Rudolph B. Schulhof, della Collezione Gianni Mattioli, il Giardino delle sculture Nasher e organizza importanti mostre temporanee. La Collezione Peggy Guggenheim è proprietà della Fondazione Solomon R. Guggenheim che gestisce anche il Museo Solomon R. Guggenheim di New York, ed è partner dei Paesi Baschi nella programmazione del Guggenheim Museum Bilbao.

Collezione Permanente.
Il museo espone la collezione personale di Peggy Guggenheim, che comprende capolavori del Cubismo, Futurismo, Pittura Metafisica, Astrattismo europeo, scultura d'avanguardia, Surrealismo ed Espressionismo Astratto americano, di alcuni dei più grandi artisti del XX secolo. Tra questi Picasso (Il poeta, Sulla spiaggia), Braque (Il clarinetto), Duchamp (Giovane triste in treno), Léger (Uomini in città), Brancusi (Maiastra, Uccello nello spazio), Severini (Mare=Ballerina), Picabia (Pittura rarissima sulla terra), de Chirico (La torre rossa, La nostalgia del poeta), Mondrian (Composizione n. 1 con grigio e rosso 1938 / Composizione con rosso 1939), Kandinsky (Paesaggio con macchie rosse no 2), Miró (Donna seduta II), Giacometti (Donna sgozzata, Donna che cammina), Klee (Giardino magico), Ernst (Il bacio, La vestizione della sposa), Magritte (L'impero della luce), Dalí (La nascita dei desideri liquidi), Pollock (La donna luna, Alchimia), Gorky (Senza titolo), Calder (Arco di petali) e Marini (L'angelo della città).

Il museo espone inoltre sia opere donate alla Fondazione Solomon R. Guggenheim, per la sua sede veneziana, dopo la morte di Peggy, che prestiti a lungo termine da parte di collezioni private.

Per saperne di più...

VIVA VIVALDI - THE FOUR SEASONS MYSTERY

dal 11/09/2017 al 30/12/2018

Museo Diocesano di Venezia

VENEZIA (VE)

Per la prima volta le Quattro Stagioni di Vivaldi si possono non solo ascoltare ma contemporaneamente vedere e respirare. Un modo del tutto nuovo e hi-tech di vivere la musica del celebre violinista veneziano che da maggio 2017 viene offerto a Venezia con "VivaVivaldi. The Four Season Mystery", un nuovo format artistico a pochi passi da Piazza San Marco.

Videomapping, ambienti immersivi, audio multidirezionale ed effetti olfattivi: la tecnologia più innovativa per un'esperienza dallo straordinario impatto emotivo che consente allo spettatore di scoprire attraverso i sensi la bellezza del concerto più eseguito al mondo.

Un percorso diviso in sequenze, come fosse una partitura musicale. Un'esperienza musicale e sensoriale mozzafiato, unica, imperdibile.

INFORMAZIONI BAMBINI

Ingresso gratuito per bambini sotto i 6 anni se accompagnati da un adulto. Massimo 2 bambini per adulto.

Per saperne di più...

CANOVA, HAYEZ, CICOGNARA. L'ULTIMA GLORIA DI VENEZIA

BIGLIETTO COMPLETO: VISITA GALLERIE + MOSTRA

dal 29/09/2017 al 02/04/2018
Gallerie dell'Accademia
VENEZIA (VE)


Dal 29 settembre 2017 al 2 aprile 2018 le Gallerie dell'Accademia di Venezia presentano la mostra CANOVA, HAYEZ, CICOGNARA. L'ULTIMA GLORIA DI VENEZIA a cura di Paola Marini, Fernando Mazzocca e Roberto De Feo. La mostra presenta oltre 100 opere di rilievo per rievocare, nell'anniversario della fondazione delle Gallerie avvenuta 200 anni fa, un momento speciale della storia artistica della Serenissima. 
In mostra spicca la riunione e il ritorno a Venezia della serie di manufatti inviati nel 1818 alla corte di Vienna per il quarto matrimonio dell'imperatore Francesco I e noti come l'"Omaggio delle Provincie Venete". Saranno esposti la Musa Polimnia di Canova, dipinti, gruppi scultorei e opere di fine artigianato artistico veneto del tempo, rappresentanti della più alta e unitaria produzione artistica del Neoclassicismo veneto. 
Nel percorso di visita si segnalano anche la sezione dedicata al ritorno dei quattro cavalli di San Marco e il cammeo con il Giove Egioco, capolavoro la cui bellezza era stata già consacrata da Canova, oltre alla rievocazione dell'acquisizione dei disegni di Leonardo e Raffaello dalla collezione di Giuseppe Bossi.

Per saperne di più...

MOSTRA INTUITION

Palazzo Fortuny
VENEZIA (VE)

In concomitanza con la Biennale d'Arte di Venezia 2017, Intuition è la sesta mostra co-prodotta dalla Axel & May Vervoordt Foundation e la Fondazione Musei Civici di Venezia per Palazzo Fortuny. Una serie di esposizioni di grande successo di pubblico e critica, curata da Daniela Ferretti e Axel Vervoordt, Artempo (2007), In-finitum (2009), TRA (2011), Tàpies. Lo Sguardo dell'artista (2013) e, più recentemente, Proportio (2015), che giunge ora al suo ultimo capitolo.

Intuizione, dal latino intueor, è una forma di conoscenza non spiegabile a parole, che si rivela per "lampi improvvisi", immagini, suoni, esperienze. L'intuizione è la capacità di acquisire conoscenze senza prove, indizi, o ragionamento cosciente: un sentimento che guida una persona ad agire in un certo modo, senza comprendere appieno il motivo.

Una mostra che intenda esplorare il tema dell'intuizione non può che iniziare dunque dai primi tentativi di creare una relazione immediata tra terra e cielo: dall'erezione di totem allo sciamanismo, alle estasi mistiche, dagli esempi di illuminazione nell'iconografia religiosa (Annunciazione, Visitazione, Pentecoste...) alla capacità di rivelazione divina del sogno dimostrando come l'intuizione ha, in qualche modo, plasmato l'arte in aree geografiche, culture e generazioni diverse.

Un'esposizione che riunisce artefatti antichi e opere del passato affiancate ad altre più moderne e contemporanee tutte legate al concetto di intuizione, di sogno, di telepatia, di fantasia paranormale, meditazione, potere creativo, fino all'ipnosi e all'ispirazione.

Per saperne di più...

LA DEVOTA BELLEZZA

dal 18/06/2017 al 05/11/2017

Palazzo degli Scalzi

SASSOFERRATO (AN)

Ventisette anni dopo la prestigiosa mostra dedicata ai dipinti di G. B. Salvi detto il Sassoferrato organizzata dalla sua città natale nel 1990, questa stessa ha deciso di promuovere un nuovo evento espositivo incentrato questa volta sui disegni dell'artista. L'opera grafica del Sassoferrato, che non è praticamente mai stata esposta in Italia, è estremamente rara: si contano meno di novanta disegni sicuramente attribuibili, dei quali sessantatré appartengono alle collezioni reali inglesi, acquistati direttamente a Roma nel 1768-9 dal connoisseur Richard Dalton per le collezioni di Giorgio III, di cui era Bibliotecario.

S. M. La Regina d'Inghilterra ha graziosamente acconsentito al prestito di ventuno di questi disegni, disegni che formano il corpus centrale della mostra e senza i quali l'evento non sarebbe stato possibile; pochi altri fogli di collezioni pubbliche e private accrescono questo nucleo fondamentale. Accanto a questa serie di opere su carta vengono presentati alcuni importanti dipinti che possono così per la prima volta essere raffrontati ai disegni stessi, permettendo di indagare e meglio comprendere la pratica pittorica dell'artista.

Dal raffronto emerge chiaramente fino a qual punto l'artista rimanga fedele alla prima idea espressa nel disegno, come si può vedere nell'Angelo di Windsor e nel quadro corrispondente della Fondazione Longhi, o nel disegno della Madonna, Gesù Bambino e San Giovanni Battista di Windsor raffrontato alla bella tela della fondazione Tosio Martinengo di Brescia, fermi restando i suoi debiti con il repertorio rinascimentale in genere e raffaellesco in particolare mediato per il tramite dell'opera incisa dell'Urbinate.

Un importante gruppo di dipinti provenienti soprattutto dal territorio marchigiano, affiancherà poi il nucleo centrale della mostra, concreta presenza e viva testimonianza dell'impegno con cui si intende procedere nell'opera di ricostruzione e tutela del patrimonio artistico della Regione così pesantemente segnato dai recenti eventi tellurici, nuovamente pronto ad accogliere appassionati d'arte e turisti.

Per saperne di più...

18 novembre 2017 – 25 febbraio 2018
BASILICA DI SAN GIOVANNI MAGGIORE
Rampe San Giovanni Maggiore - Napoli



VAN GOGH – the IMMERSIVE EXPERIENCE, la mostra multimediale in cui il visitatore è coinvolto a 360 gradi, vivendo la straordinaria esperienza di immergersi nei quadri di Van Gogh.Arriva per la prima volta a Napoli l’ “esperienza” che ha commosso il mondo, la mostra che unisce il piacere della scoperta della vita di Van Gogh all’immersione totale nel cuore pulsante della sua arte. Prodotta e distribuito a livello internazionale da Exhibition Hub e da Next Exhibition, entusiasma i visitatori per la sua moderna forma d’espressione tecnologica e per la sorprendente originalità, capace di attirare in modo straordinario un pubblico eterogeneo, da appassionati d’arte a giovani studenti.La bellissima location che ospiterà l’innovativa mostra sarà la Basilica di San Giovanni Maggiore, nuova casa delle emozioni di Van Gogh, pronta ad illuminarsi di colori nuovi, ritratti e scenari toccanti e soprattutto di sensazioni uniche. Nel quadro di un fine 2017 e inizio 2018 che riscopre Napoli come città italiana della cultura e dell’arte, proponendosi come interprete d’eccellenza nell’innovazione e nei nuovi eventi.The IMMERSIVE EXPERIENCE interagisce con l’osservatore, lo prende per mano e lo invita ad entrare dentro al quadro di uno dei pittori più amati di tutti i tempi: un nuovo modo di conoscere e vivere l’Arte. Il visitatore esplora il fascino di Vincent camminando all’interno dei suoi quadri, grazie ad un innovativo sistema di proiezioni 3D mapping. 

L’interno della Basilica sarà rivoluzionato con il montaggio di grandi schermi che, grazie a proiettori video di altissima definizione, renderanno possibile l’impossibile: i quadri prenderanno vita coinvolgendo e abbracciando il pubblico a trecentosessanta gradi. Ogni superficie diventerà arte: pareti, colonne, soffitti, pavimenti e persino l’altare della Basilica che si colorerà delle tinte più amate da Van Gogh, dal blu profondo della notte stellata al giallo vivo dei girasoli.Sarà impossibile non carpire a pieno il senso dei pensieri di Van Gogh e i suoi stati d’animo perché le sue opere prenderanno vita in vividi dettagli in un percorso video della durata di oltre un’ora, in cui sarà possibile gustare l’arte da diversi punti di vista, in piedi o sdraiati a terra, diventando parte integrante del quadro. L’osservatore diventa infatti protagonista dell’opera, ampliando i propri sensi verso onde di immagini e suoni, intensi e belli. E la mostra coinvolgerà non solo la vista, ma anche l’udito, con una colonna sonora che accompagnerà il visitatore nel suo percorso, esaltando ancora di più l’emotività del viaggio.

ORARI: 

Dal lunedi' al venerdi': dalle 10 alle 19 
Sabato: dalle ore 10 alle ore 20 
omenica dalle ore 14 alle ore 20 

Aperture e chiusure giorni festivi:

8 Dicembre dalle ore 10 alle ore 20

24 Dicembre CHIUSO
26 Dicembre dalle ore 10 alle ore 20
31 Dicembre CHIUSO
1 Gennaio dalle ore 14 alle ore 20

  • -INGRESSO GIORNALIERO PER LE SINGOLE DATE E LE SINGOLE FASCE ORARIE

        ADULTO  € 12.00+1.50

        RIDOTTO RAGAZZI / OVER 65 € 10.00+1.50  ( ALL’INGRESSO EFFETTUERANNO GLI OPPORTUNI CONTROLLI)

  • -ABBONAMENTO A TURNO LIBERO :   INGRESSO OPEN € 14.00+1.50  ( x poter regalare  l'emozione della mostra , senza vincolo di giorno ed orario )
  • -ABBONAMENTO A TURNO LIBERO :  PROMO 2 PERSONE :  € 19.00+1.50 ANZICCHE 24.00+1.50 ( CONSENTE L’INGRESSO A PREZZO RIDOTTO A DUE PERSONE  NELLO STESSO GIORNO  E NELLA STESSA FASCIA ORARIA  QUANDO PREFERISCONO)
Per saperne di più...

L'ESERCITO DI TERRACOTTA

dal 30/10/2017 al 28/01/2018

Basilica Dello Spirito Santo via Toledo 402, Napoli

NAPOLI (NA)

Fino al 28 gennaio 2018 si potrà ammirare a Napoli un’opera artistica e culturale di straordinaria bellezza e dal significativo valore storico che arriva direttamente dalla lontana Cina: l’Esercito di Terracotta. L’immensa opera è stata allestita dal 24 ottobre presso la cinquecentesca Basilica dello Spirito Santo in via Toledo che, per l’occasione, ha riaperto i suoi spazi al pubblico.

L’Esercito di Terracotta rappresenta una delle più grandi scoperte archeologiche del nostro secolo e dal 1987 è stato inserito nell’elenco del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Fu l’ex presidente francese Jacques Chirac a riconoscere, sempre nel 1987, l’Esercito di Terracotta come l’Ottava Meraviglia del Mondo.

L’Esercito di Terracotta: 170 guerrieri a grandezza naturale

L’Esercito di Terracotta è un insieme di statue messo simbolicamente a guardia del mausoleo del primo imperatore cinese Qin Shi Huangdi (260 a.C. – 210 a.C.) e destinato a servirlo nell’aldilà. L’imperatore volle che il proprio fidato esercito lo proteggesse anche dopo la morte e ordinò l’esatta riproduzione di tutti i suoi componenti, con i quali portò a termine la sua missione di unificare la Cina dell’epoca.

Il gruppo statuario è infatti composto da 170 guerrieri in terracotta a grandezza naturale, tutti diversi tra loro per espressioni del viso, posture e dimensioni, a dimostrazione della grande maestria degli oltre 720mila artigiani e operai cinesi dello Xi’An che per realizzare le grandi statue hanno utilizzato i rari ed unici calchi ancora esistenti. I soldati sono tutti corredati di armi da guerra, armature, vasellame, carri, e oggetti d’arte e di vita quotidiana scoperti nell’antica necropoli.

La mostra, in prima Nazionale a Napoli, è allestita nella suggestiva cornice della Basilica dello Spirito Santo e rappresenta l’esposizione più completa e più grande (ben 1.800 metri quadri) dedicata all’Esercito di Terracotta, alla Necropoli cinese e alla vita del Primo Imperatore.

I visitatori potranno ammirare l’intero gruppo statuario, la spettacolarità e il realismo dei decori degli oltre 300 pezzi tra statue, armi, armature ed oggetti di vita quotidiana, riprodotti direttamente dagli originali grazie a calchi, ora preziosissimi, che è stato possibile applicare solo una volta. Ma il pubblico potrà anche immergersi in un vero e proprio viaggio nella Cina di 2.200 anni fa grazie alle videoproiezioni a grandi dimensioni, audioguide e zone interattive che raccontano la storia della necropoli e del Primo Imperatore, il suo esercito, le conquiste militari, il processo di realizzazione dell’Esercito di Terracotta, la tomba dell’Imperatore e gli scavi archeologici, circondati da affascinanti suggestioni luminose e audiovisive.

La scelta di Napoli e della Basilica dello Spirito Santo come prima nazionale della mostra non è stata casuale. I curatori della mostra hanno dichiarato di aver scelto Napoli come prima tappa italiana per un motivo in particolare: “Ci sono straordinari punti di contatto tra la tradizione partenopea e quella cinese, specialmente nel culto delle statue. Non potevano che iniziare da qui”. Inoltre non dobbiamo dimenticare il forte legame tra la città di Napoli e il culto dei morti, molto affine culturalmente e spiritualmente a quello dell’antica Cina che si concretizza proprio nella costruzione del mausoleo. La suggestiva Basilica del centro storico, sempre secondo i curatori, richiamerebbe la stessa sacralità del Mausoleo che ospita l’esercito in Cina.

Informazioni sulla mostra L’Esercito di Terracotta

Quando: dal 24 ottobre 2017 fino al 28 gennaio 2018

Orari: tutti i giorni, da lunedì a domenica dalle 10 alle 20. Ultimo ingresso ore 19

Prezzo biglietti:

Adulti: 12 euro

Ridotto: studenti (studenti 14-26 anni), over 65, disabili: 10 euro

Ridotto bambini e ragazzi (dai 4 ai 13 anni): 8 euro

Gratuito: fino a 3 anni

Famiglia da 4: 2 adulti + 2 bambini: 32 euro

Famiglia da 5: 2 adulti + 3 Bambini: 38 euro

Dove: Basilica dello Spirito santo, via Toledo 402, Napoli

Per saperne di più...

MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO 

VIA GUIDO RENI ,4/A ROMA

Pensato come un grande campus per la cultura, il MAXXI è gestito da una Fondazione costituita nel luglio 2009 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e presieduta da Giovanna Melandri.
Da dicembre 2013 Hou Hanru è il Direttore Artistico del museo, di cui fanno parte il MAXXI Architettura, diretto da Margherita Guccione, e il MAXXI Arte, diretto da Anna Mattirolo.

La programmazione delle attività - mostre, workshop, convegni, laboratori, spettacoli, proiezioni, progetti formativi - rispecchia la vocazione del MAXXI ad essere non solo luogo di conservazione ed esposizione del patrimonio ma anche, e soprattutto, un laboratorio di sperimentazione e innovazione culturale, di studio, ricerca e produzione di contenuti estetici del nostro tempo. 
Sede del MAXXI è la grande opera architettonica, dalle forme innovative e spettacolari, progettata da Zaha Hadid nel quartiere Flaminio di Roma

ORARI : MA/MER/GIO /VEN DOM  11.00/19.00  SABATO 11.00/22.00

CHIUSI LUNEDI' , 1 MAGGIIO , 25 DICEMBRE

Per saperne di più...

MOSTRA LA BOTTEGA CADORIN

Palazzo Fortuny
VENEZIA (VE)

Lo straordinario patrimonio artistico e storico della famiglia Cadorin - testimonianza dell'intensa attività di almeno tre generazioni di artisti, architetti, musicisti e fotografi attivi a Venezia tra Ottocento e Novecento - è al centro del nuovo progetto espositivo che la Fondazione Musei Civici di Venezia propone a Palazzo Fortuny durante la stagione invernale. 

Un percorso espositivo in grado di evocare e documentare non solo il fascino degli atelier di una 'dinastia di artisti', quale fu a tutti gli effetti questa famiglia - degna erede delle grandi 'botteghe' d'arte della Serenissima - ma anche il vivace contesto intellettuale della città di Venezia tra Otto e Novecento. Ciò che affiora è uno straordinario intreccio di vite poste sotto l'egida dell'Arte - dallo scultore Vincenzo al fotografo Augusto Tivoli, dai liutai Fiorini, all'architetto Brenno del Giudice per giungere fino ai pittori Guido Cadorin, Livia Tivoli, Ida Barbarigo e Zoran Music - un vero e proprio 'patrimonio' da valorizzare e non disperdere.

Per saperne di più...

TDM10 - GIRO GIRO TONDO. DESIGN FOR CHILDREN

dal 03/05/2017 al 18/02/2018
TRIENNALE DI MILANO - DESIGN MUSEUM
MILANO (MI)

Ideazione e coordinamento: Silvana Annicchiarico
Curatori: Francesca Balena Arista, Pietro Corraini, Enrico Ercole, Luca Fois, Fulvio Irace, Paola Maino, Maurizio Nichetti, Alberto Munari, Francesca Picchi, Franca Zuccoli e Monica Guerra
Progetto di allestimento: Stefano Giovannoni Progetto grafico: Giorgio Camuffo

Triennale Design Museum ogni anno racconta il design italiano attraverso un sistema di rappresentazioni che cambiano tematiche, ordinamenti scientifici e allestimenti per cercare di rispondere alla domanda primaria "Che Cosa è il Design Italiano?", offrendo punti di vista e percorsi inediti sulla disciplina.

Giro Giro Tondo. Design for Children, decima edizione del Triennale Design Museum, presenta una nuova storia del design italiano dedicata al mondo dell'infanzia e ai bambini, al design e all'architettura che hanno lavorato per loro, ai giochi e alle immagini che li hanno divertiti e raccontati, agli spazi in cui si sono mossi, agli oggetti che hanno manipolato.

Il percorso è strutturato in sezioni tematiche: la storia dell'arredo, a cura di Paola Maino; la storia del giocattolo, a cura di Luca Fois; la storia delle installazioni urbane, degli interventi performativi e delle architetture, a cura di Fulvio Irace; la storia della grafica, dell'illustrazione e dell'editoria, a cura di Pietro Corraini; la storia dell'animazione, a cura di Maurizio Nichetti, e la storia degli strumenti per la scrittura e il disegno, a cura di Francesca Balena Arista. Queste sezioni sono intervallate da focus dedicati a figure di spicco e di rilievo nella storia del design in relazione all'education, come Bruno Munari, a cura di Alberto Munari, e Riccardo Dalisi, a cura di Francesca Picchi, o alla storia della pedagogia, a cura di Franca Zuccoli e Monica Guerra, o alla iconicità dell'affabulazione, come Pinocchio, a cura di Enrico Ercole.
L'ouverture, a cura di Stefano Giovannoni, è dedicata al design ludico.

L'allestimento ha una forte componente figurativa, con un'anima pop, ed è punteggiato da stazioni in cui i giovani visitatori possono interagire, giocare, imparare.

Per saperne di più...

La Basilica
Giovanni di Bicci, capostipite della famiglia Medici, affidò la ricostruzione di San Lorenzo (consacrata da S. Ambrogio nel 393) a Filippo Brunelleschi che diresse il grande cantiere fino alla sua morte, avvenuta nel 1446.
Il progetto fu portato a compimento dal suo biografo ed erede Antonio Manetti nel 1461 e, nonostante alcuni interventi settecenteschi ed ottocenteschi, la Basilica di San Lorenzo conserva ancora oggi la vastità melodiosa ed il senso di perfetta armonia che Brunelleschi aveva voluto infonderle in virtù dei precisi rapporti proporzionali che regolano le sue strutture.
Nella Basilica si trovano opere di Donatello, Michelangelo, Desiderio da Settignano Bronzino, Filippo Lippi, Rosso Fiorentino, Pontormo, per citare alcuni degli artisti più famosi. 

La Sagrestia Vecchia
Realizzata da Brunelleschi tra il 1422 e il 1428, rappresenta uno dei primi progetti del celebre architetto fiorentino in cui la sua visione architettonica si concretizza pienamente nei volumi geometrici accuratamente spartiti.

Per saperne di più...

.

MUSEO DI SAN SIRO 

Il Museo di San Siroprimo in Italia allestito all'interno di uno Stadio, racconta la storia delle due squadre milanesi Inter e Milan, attraverso una raccolta di cimeli unici al mondo: maglie storiche, coppe e trofei, scarpe, oggetti d'arte, ricordi di ogni genere che sono entrati nella leggenda del calcio mondiale, ma soprattutto nel cuore dei tifosi del calcio. Supportati dal nostro personale specializzato, in grado di fornire informazioni storiche e curiosità in ben 9 linguestraniere, tra cui anche cinese, giapponese e indonesiano, è possibile ripercorrere in autonomia il vero itinerario dei calciatori, passando dalla zona mista agli spogliatoi di entrambe le squadre; successivamente il famoso tunnel d'entrata al campo, in fondo al quale si aprirà la vista più emozionante e magica della"Scala del Calcio".

ORARI DI APERTURA:
da marzo a settembre: dalle 9.30 alle 18.00;
da ottobre ad aprile: dalle 9.30 alle 17.00.

Per saperne di più...

VIGAMUS THE VIDEO GAME MUSEUM

 VIA SABOTINO , 4 ROMA

Orario di apertura: Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica 10:00 - 20:00 (orario continuato)VIGAMUS è il Museo del videogioco italiano, nel cuore di Roma. Una struttura moderna e all'avanguardia, all'interno della quale i visitatori potranno immergersi nella storia del videogioco, scoprendone i miti e le leggende, e conoscere la storia dei visionari creatori attraverso percorsi tematici e interattivi. Dai classici del passato, ai pezzi unici donati dalle star del settore, come il cabinato originale di Space Invaders, e i Master Disk di Doom, i visitatori potranno scoprire l'evoluzione di una forma d'arte giovane e in continua trasformazione. 

L'esposizione centrale è suddivisa in nuclei tematici, che ripercorrono la storia del videogioco partendo dalla prima console commercializzata, il Magnavox Odyssey, fino agli ultimi sviluppi del gaming contemporaneo, come le opere di Rockstar Games. Le singole aree del percorso prendono in esame i fenomeni più significativi e interessanti della storia videoludica, come la nascita di Commodore, le cui macchine avrebbero spianato la strada all'odierna concezione di personal computer, o l'era delle avventure testuali Infocom, tra i più complessi e affascinanti esempi di narrazione interattiva mai realizzata. Oltre 440 pezzi, corredati da più di 100 pannelli che ne illustrano il contesto storico e i retroscena; 15 retrospettive video, per una lunghezza di oltre 200 minuti, permettono ai visitatori di vedere in prima persona i videogiochi di ieri e oggi. 

Dai titoli intramontabili della Golden Age, ai re delle sale da gioco, come i cabinati originali di Street Fighter II, Metal Slug, King of Fighters, Tekken Tag Tournment 2 Unlimited, fino all'installazione immersiva di Steel Battalion e all'area speciale AC_Files, dedicata alla saga Ubisoft di Assassin's Creed, i visitatori potranno sperimentare in prima persona i titoli che hanno fatto la storia del videogioco e le grandi serie moderne in oltre 40 postazioni interattive, tutte in free play

Dall'Anno Zero del videogioco alla realtà virtuale: solamente al VIGAMUS, nella OCULUS ROOM, l'unica sala permanente al mondo dedicata al rivoluzionarioOculus Rift, i visitatori potranno provare l'ebbrezza di indossare il visore e scoprire che cosa vuol dire immergersi nel mondo virtuale del proprio videogioco preferito e osservarlo dagli occhi del protagonista... senza dimenticare di posare accanto alla statua di Lara Croft, Solid Snake, Big Daddy e Connor Kenway!

Chiusure: Tutti i lunedì, 1 maggio
Chiusure per le festività natalizie: 24 dicembre, 25 dicembre, 26 dicembre, 31 dicembre, 1 gennaio

Per saperne di più...

ROBERT DOISNEAU - PESCATORE D'IMMAGINI

dal 26/10/2017 al 28/01/2018
Palazzo Broletto
PAVIA (PV)

Dal 14 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018, lo storico palazzo del XII secolo, posto nel cuore della città, ospita una mostra che celebra Robert Doisneau (Gentilly, 14 aprile 1912 - Montrouge, 1 aprile 1994), uno dei fotografi più importanti e celebrati dell'intero Novecento.

La rassegna, dal titolo Pescatore d'immagini, curata dall'Atelier Robert Doisneau - Francine Deroudille ed Annette Doisneau - in collaborazione con il Professor Piero Pozzi, prodotta e realizzata da Di Chroma Photography e ViDi - Visit Different, in collaborazione con la Fondazione Teatro Fraschini e il Comune di Pavia - Settore Cultura presenta 70 immagini in bianco e nero che ripercorrono l'universo creativo del fotografo francese.

Il percorso espositivo, che mette in mostra alcune delle icone più riconoscibili della sua carriera come Le Baiser de l'Hôtel de Ville, Les pains de Picasso, Prévert au guéridon, si apre con l'autoritratto del 1949 e ripercorre i soggetti a lui più cari, conducendo il visitatore in un'emozionante passeggiata nei giardini di Parigi, lungo la Senna, per le strade del centro e della periferia, nei bistrot e nelle gallerie d'arte della capitale francese.

Per saperne di più...

ACQUARIO DI GENOVA

Il piu' grande Acquario d'Europadal 

Acquario di Genova

GENOVA (GE)

Tutti i percorsi on-line sono scontati rispetto alla tariffa esposta in biglietteria.

GalatAcquario € 34 anziché € 40,00

AcquarioVillage € 44 anziché € 53,00

Pianeta Acquario € 30 anziché € 36,00 

Per saperne di più...

PARCO ARCHEOLOGICO DI ELEA-VELIA - INGRESSO SINGOLO


Parco Archeologico di Elea-Velia
ASCEA (SA)

Elea - Velia, in seguito, per la toponomastica romana - oggi in prossimità del litorale di Ascea Marina, tra Agropoli e Palinuro, deve la sua fortuna nel Mediterraneo antico alla posizione strategica sulle rotte tra Grecia e Etruria. 

Estesa su novanta ettari di natura generosa, oltre e più che per i traffici commerciali, conquista fama e prestigio nel mondo greco per il primato del pensiero: la scuola eleatica, Parmenide, Zenone, Melisso di Samo, sceglie con buone ragioni questo lembo di paradiso, nel Cilento più meridionale, per meditare e fare proseliti; i filosofi Senofane e Leucippo, nella Velia romana, soggiornano tra le sue mura accoglienti, come, almeno fino al 62 d.C., i protagonisti precursori di una scuola medica rinomata, e i 'grammatici' Stazio (padre del poeta) e Palamede. 

Culmine del percorso,è la Porta Rosa, uno squarcio inatteso, incantevole, a raccordare le aree speculari, le marine, la costa, che il colle separa.

Per saperne di più...

Villa d'Este è un capolavoro del giardino italiano, che racchiude un'impressionante concentrazione di fontane, ninfei, grotte, giochi d'acqua e musiche idrauliche. Suggestivo e interessante è anche il contesto paesaggistico, artistico e storico di Tivoli che ospita i resti prestigiosi di ville antiche, come Villa Adriana, in un territorio ricco di forre, caverne e cascate. Villa d'Este costituisce un modello più volte emulato nei giardini europei del manierismo e del barocco, ed è oggi inserita nella lista UNESCO del patrimonio mondiale. 
Il giardino va per di più considerato nello straordinario contesto paesaggistico, artistico e storico di Tivoli, che presenta sia i resti prestigiosi di ville antiche come Villa Adriana, sia un territorio ricco di forre , caverne e cascate, simbolo di una guerra millenaria tra pietra e acque. Le imponenti costruzioni e le terrazze sopra terrazze fanno pensare ai Giardini pensili di Babilonia, una delle meraviglie del mondo antico, mentre l'adduzione delle acque, con un acquedotto e un traforo sotto la città, rievoca la sapienza ingegneristica dei romani.

Note

L'organo idraulico della fontana dell'Organo viene attivato quotidianamente ogni due ore, nei seguenti orari: 10.30 - 12.30 - 14.30 - 16.30 - 18.30. 
La fontana della Civetta non è al momento funzionante.

Per saperne di più...

DENTRO CARAVAGGIO

dal 29/09/2017 al 28/01/2018
Palazzo Reale - Primo Piano
MILANO (MI)

Milano torna a omaggiare il grande artista con la mostra Dentro Caravaggio, sempre a Palazzo Reale dal prossimo 29 settembre con diciotto capolavori del Maestro riuniti qui per la prima volta tutti insieme. Un'esposizione unica non solo perché presenterà al pubblico opere provenienti dai maggiori musei italiani e da altrettanto importanti musei esteri ma perché, per la prima volta le tele di Caravaggio saranno affiancate dalle rispettive immagini radiografiche che consentiranno al pubblico di seguire e scoprire, attraverso un uso innovativo degli apparati multimediali, il percorso dell'artista dal suo pensiero iniziale fino alla realizzazione finale dell'opera.

Per saperne di più...

LE SECESSIONI EUROPEE - MONACO, VIENNA, PRAGA, ROMA

dal 26/10/2017 al 21/01/2018
PALAZZO ROVERELLA
ROVIGO (RO)

VISITE GUIDATE AL PARCO ARCHEOLOGICO E AMBIENTALE DEL PAUSILYPON

Alla scoperta della Pausilypon imperiale

L'itinerario di visita guidata parte dall'ingresso della Grotta di Seiano su Discesa Coroglio. Lungo i 770 m di percorso saranno spiegati la storia, le tecniche di scavo e la varie vicissitudini che hanno caratterizzato la storia della Grotta nel corso dei secoli. Superata la Grotta, si giungerà al Parco Archeologico del Pausilypon dove si potrà ammirare ciò che resta della suggestiva villa di Publio Vedio Pollione che si estende dal promontorio che domina la splendida Baia di Trentaremi fino a mare. Si visiterà la pars publica dell'antica villa, in cui si trovano i resti del teatro e dell'odeon, ovvero un piccolo teatro coperto in cui si ascoltavano spettacoli musicali e declamazioni di poesie. La visita procederà attraverso un sentiero immerso nella tipica vegetazione mediterranea, e si concluderà al belvedere sul Golfo di Napoli da cui si potrà ammirare il paesaggio dominato dagli Isolotti della Gaiola.

Modalità e durata: percorso di visita guidata a piedi della durata media di 1,5 ore.
Luogo: Grotta di Seiano e Parco Archeologico del Pausilypon.
Partenza e Arrivo: Grotta di Seiano (Discesa Coroglio 36, Napoli).
Giorni e orari di svolgimento:
da martedì a venerdì: ore 12.00
sabato, domenica e festivi: ore 10.00 e 12.00
(esclusi: il 22 e 25 dicembre 2013 e 1 gennaio )

Per saperne di più...

MUSEO FEDERICO II STUPOR MUNDI

dal 31/07/2017 al 14/06/2018

Museo Federico II Stupor Mundi

JESI (AN)

Un viaggio attraverso il tempo e lo spazio, per scoprire il mondo meraviglioso di Federico II di Svevia nel luogo magico dove tutto ha avuto inizio il 26 dicembre 1194. Nello storico Palazzo Ghislieri sedici sale tematiche per vivere in prima persona le battaglie che hanno segnato un'epoca, per scoprire i castelli dell'imperatore e volare con i suoi falchi. Installazioni interattive, animazioni tridimensionali, contenuti multimediali, ricostruzioni architettoniche e sartoriali. Un'esperienza multisensoriale che ti farà vivere davvero la storia che ha cambiato la Storia.

KLIMT EXPERIENCE

fino al 7 Gennaio

presso Reggia di Caserta , Caserta

Ha aperto a Caserta nei saloni della Ex Aeronautica Militare della Reggia di Caserta la mostra digitale immersiva “Klimt Experience” dedicata alla vita e alle opere del celebre artista viennese Gustav Klimt. Rimarrà a Caserta fino al 31 ottobre 2017 consentendoci un particolarissimo viaggio multimediale nelle opere del grande artista viennese. Il successo a Firenze e le proroghe richieste ha ritardato l’inizio di “Klimt Experience” nella reggia borbonica ma ora sono attive le particolari videoinstallazioni ed effetti sonori diffusi, che coinvolgono totalmente i partecipanti nelle opere d’arte. Non troverete quadri alla “Klimt Experience” ma ben 700 immagini, diffuse da 30 proiettori laser su dei megaschermi e sulle pareti con una definizione più alta di quella del Full Hd.

Una particolarissima mostra digitale immersiva dedicata alla vita e alle opere dell’artista viennese che ci consentirà di conoscere i capolavori di Gustav Klimt, il padre fondatore della Secessione viennese. Le opere verranno riprodotte digitalmente per il visitatore che resterà letteralmente immerso in capolavori come l’Albero della Vita, o Giuditta, o Il Bacio. La mostra prevede anche un’area interattiva per spiegare l’evento con tavoli touch screen e occhiali Samsung Gear VR: ci sarà anche una particolare e coinvolgente colonna sonora diffusa da un sistema audio 3D di ultima generazione che coinvolge completamente il visitatore.

Per saperne di più...

PALAZZO STROZZI - IL CINQUECENTO A FIRENZE

Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna

dal 21/09/2017 al 28/01/2018
Palazzo Strozzi
FIRENZE (FI)

Dal 21 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 Palazzo Strozzi ospita Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna una straordinaria mostra dedicata all'arte del Cinquecento a Firenze che metterà in dialogo oltre settanta opere di artisti come Michelangelo, Bronzino, Giorgio Vasari, Rosso Fiorentino, Pontormo, Santi di Tito, Giambologna, Bartolomeo Ammannati.


KUNIYOSHI - IL VISIONARIO DEL MONDO FLUTTUANTE

dal 04/10/2017 al 28/01/2018
Palazzo della Permanente - Primo piano

MILANO (MI).

Per la prima volta in Italia le opere di Kuniyoshi, maestro indiscusso del Mondo Fluttuante giapponese, il quarto grande artista con Hokusai, Hiroshige e Utamaro, ma talmente importante da meritarsi una esposizione monografica. Le sue immagini sono fantasiose, barocche, ricche di colori e dense di particolari minuti. I suoi personaggi sono imponenti, le azioni roboanti e occupano tutta la superficie illustrata: sia essa nel classico formato rettangolare, o in quello di un ventaglio rotondo (uchiwa) o che si tratti del più grande formato del trittico, da lui prediletto al punto di arrivare all'esattico. L'abilità e la curiosità di Kuniyoshi lo portarono a importanti novità in campo tecnico: attingendo a piene mani dalla pittura occidentale, arrivò a imitare la resa dell'incisione da lastra di rame anziché da matrice in legno, distinguendosi così dai maestri del paesaggio Hiroshige e Hokusai. Ma anche l'Occidente lo amò molto, fin dall'arrivo delle riproduzioni delle sue opere in Europa e particolarmente in Francia (Monet ne aveva alcune appese nella cucina della sua famosa casa a Giverny), fino ai giorni nostri e alla cultura pop contemporanea.

Per saperne di più...

GENOVESINO. NATURA E INVENZIONE NELLA PITTURA DEL SEICENTO A CREMONA

dal 06/10/2017 al 06/01/2018
Museo Civico Ala Ponzone
CREMONA (CR)

Luigi Miradori, detto il Genovesino è il protagonista di questa mostra a Cremona, in un percorso diffuso che ha il suo cuore nella Pinacoteca del Museo Civico Ala Ponzone. Un pittore che viene descritto come un uomo "allegro, bizzarro e faceto" che, come fosse un personaggio dei suoi quadri, girava per la città con una berretta rossa in testa e la barbetta sul mento. Un autore che oggi è possibile scoprire attraverso le sue tele. 
Nei suoi quadri è infatti immediatamente visibile la formazione genovese, fortemente influenzata dalla pittura del Caravaggio. I suoi ritratti sono caratterizzati da una grande capacità di penetrazione psicologica; le scene sacre vengono tutt'oggi considerate tra le interpretazioni più intense e originali della pittura del seicento. L'abilità del Genovesino sta infine nell'eseguire piccole figure, con un pittura vivace e connotata da una grande libertà inventiva, in grado di regalarci uno spaccato vividamente realista sugli anni subito successivi alla peste manzoniana del 1630. 
Le tracce del Genovesino si possono trovare tutt'oggi a Cremona, non solo nei quadri presenti in Pinacoteca, ma anche osservando le grandi tele di Palazzo Comunale e visitando la Cattedrale e le chiese che l'hanno visto all'opera e che tutt'oggi conservano questi capolavori.

Per saperne di più...

INGRESSO MUSEO OPEN - MARANELLO

Abbonamento
MUSEO FERRARI / MARANELLO
MARANELLO (MO)

Il Museo Ferrari a Maranello permette di vivere in prima persona il sogno del Cavallino Rampante: un viaggio unico e coinvolgente attraverso le vetture che hanno fatto la storia dell'automobilismo sulle piste e sulle strade di tutto il mondo. 
Simulatori F1: al volante di una monoposto Ferrari
Al Museo Ferrari è possibile salire a bordo di simulatori semiprofessionali di Formula 1 e provare le sensazioni di guida solitamente riservate ai piloti. Dopo un breve briefing da parte di un tecnico ci si cala nell'abitacolo ed inizia l'esperienza virtuale.


PHOTOLUX 2017

dal 18/11/2017 al 10/12/2017

Photolux Festival 2017

LUCCA (LU)

L'edizione 2017 del Photolux Festival. Biennale Internazionale di Fotografia, a Lucca dal 18 novembre al 10 dicembre 2017, sarà dedicata ad un tema e ad un luogo simbolico: il "Mediterraneo".

"Il Mediterraneo è un immenso archivio e un profondo sepolcro." Ad affermarlo è stato Predag Matvejevic, autore nel 1987 di Breviario mediterraneo, lavoro fondativo della storia culturale della regione del Mediterraneo, tradotto in oltre venti lingue.

Le parole di Matvejevic risuonano, nella loro assoluta attualità, espresse da molte delle mostre e riecheggiate dagli appuntamenti di Photolux 2017.

"Il Mediterraneo è lo scenario nel quale negli ultimi anni si sta consumando l'emergenza umanitaria legata ai flussi migratori verso le coste europee, una delle più gravi per le sue proporzioni in termini di persone coinvolte e per le ripercussioni sul sistema di valori e sull'identità dell'Europa", annota Enrico Stefanelli che di Photolux Festival è il fondatore e direttore. "E oggi più che mai si avverte l'urgenza di tornare a interrogare il Mediterraneo e la sua storia, di trovare un nuovo dialogo tra le culture".

Per questo l'edizione 2017 di Photolux Festival vuole essere un focus sui fotografi del Mediterraneo e su quelli che del "mare nostrum" hanno fatto l'oggetto del proprio sguardo, che dia luogo a inedite contaminazioni e che provi a raccontare un mare dove da millenni si incontrano e scontrano civiltà che ne arricchiscono e complicano la storia".

Per saperne di più...

VISITA GUIDATA: LEONARDO BRUNI. L'UMANESIMO A FIRENZE

dal 30/10/2017 al 05/01/2018

Biblioteca Medicea Laurenziana

FIRENZE (FI)

La mostra, che si tiene presso la Biblioteca Medicea Laurenziana dal 13 ottobre 2017 al 5 gennaio 2018, vuole rendere omaggio a Leonardo Bruni, cancelliere della Repubblica di Firenze e umanista tra i maggiori del suo tempo.

Il Bruni cancelliere non può essere distinto dall'umanista, in quanto le sue missive diplomatiche recepiscono ed esprimono tutto il substrato intellettuale e culturale che fa di lui uno dei massimi esponenti dell'Umanesimo italiano e quindi europeo, costituendo una vera 'radice' di quella cultura che dalla fine del secolo XIV si stava cominciando a diffondere per l'Europa intera, nella cui propagazione Bruni ha un ruolo decisivo.

Nella mostra sono esposti più di sessanta manoscritti laurenziani con opere del Bruni suddivisi in otto sezioni: gli scritti umanistici, gli scritti polemici, gli scritti biografici, gli scritti politici, gli scritti storici, le traduzioni, gli scritti cancellereschi e le biografie. Attraverso queste si evidenzia come Firenze sia stato un esemplare centro di civilta'..

Per saperne di più...

ETTORE SOTTSASS - THERE IS A PLANET
dal 26/10/2017 al 11/03/2018
TRIENNALE DI MILANO - GALLERIA
MILANO (MI)

In occasione del centenario della nascita di Ettore Sottsass (Innsbruck 1917 - Milano 2007), Triennale Design Museum presenta negli spazi della Galleria della Architettura una mostra monografica a lui dedicata, accompagnata da un libro e da un catalogo.

Il titolo della mostra, e del libro, There is a Planet, è quello di un progetto di Sottsass inizio anni '90 per l'editore tedesco Wasmuth, mai realizzato. Il progetto del libro, ora edito da Electa, raccoglieva in cinque gruppi, con cinque titoli diversi e altrettanti testi, fotografie scattate da Sottsass nel corso dei suoi viaggi intorno al mondo: foto di architetture, case, porte, persone, situazioni che riguardano l'abitare e in generale la presenza dell'uomo sul pianeta..


ESCHER

Oltre il possibile

dal 16/10/2017 al 28/01/2018

Palazzo Blu - Pisa

Dal 13 ottobre 2017 fino al 28 gennaio 2018, BLU | Palazzo d'arte e cultura ospita la mostra "Escher", realizzata da MondoMostre e Fondazione Palazzo Blu, con il contributo della Fondazione Pisa, e la collaborazione del Gemeentemuseum Den Haag, Arthemisia e M.C. Escher Foundation, a cura del professor Stefano Zuffi, storico dell'arte e grande conoscitore di M.C. Escher.

La mostra presenterà una completa rassegna di tutti gli ipnotici, sorprendenti e spiazzanti capolavori del grande olandese, con il contributo di alcune curiose soluzioni espositive progettate dall'architetto Cesare Mari e grazie all'uso delle tecnologie e della multimedialità, una delle caratteristiche delle esposizioni organizzate a Palazzo Blu. Insieme al fascino coinvolgente del mondo di Escher, la mostra è l'occasione per ripercorrere le tappe della creatività dell'artista, soffermandosi in modo particolare sui lunghi e decisivi soggiorni in Italia, tra scenari naturali e memorie artistiche che segnarono in modo profondo il suo stile.

Insieme a una selezione straordinaria di oltre cento opere di Escher, i visitatori troveranno alcune testimonianze dei secoli precedenti, in larga parte provenienti da Pisa stessa: frammenti marmorei con decorazioni in stile cosmatesco, tarsie lignee con la rappresentazione di solidi geometrici, le incisioni di G.B. Piranesi con architetture fantastiche e prospettive suggestive.

Per saperne di più...