Teatro Acacia

VENERDI' 7 OTTOBRE 2022
JOE BARBIERI
TEATRO ACACIA  NAPOLI
POLTRONA I SETTORE  € 33.00 / POLTRONA II SETTORE € 28.00 / GALLERIA € 20.00


DAL 20 OTTOBRE

MASSIMILIANO GALLO  in STASERA, PUNTO E A CAPO! 

con PINA GIARMANÀ SHALANA SANTANA 

L’ensamble diretta dal M° Mimmo Napoletano
Gianluca Mirra, Giuseppe di Colandrea, Davide Costagliola, Fabiana Sirigu

Note di regia: 

Stasera, Punto e a Capo. Si mette un punto per ricominciare. Cominciare da capo, riprendere, ma non per forza facendo un passo avanti. Si può ricominciare anche tornando un po’ più indietro. Azzerando, portando a zero, cancellando, annullando quello che di buono non si è fatto. Quello che buono non è. E allora facciamolo: generazioni a confronto! Per capire se questa vita è quella che ci siamo scelti, la migliore soluzione per noi, o quella che ci hanno preparato. Avremmo bisogno di tre vite in verità: una per sbagliare, una per correggere gli errori, una per riassaporare il tutto. Io un po’ la invidio la mia adolescenza, invidio i miei anni ottanta! Gli anni della fiducia, del benessere, della positività. I primi video clip, gli Swatch, la New Wawe, il Commodore 64, il Muro di Berlino, Canale 5, la donna in carriera, il telefono a gettoni, Reagan e Gorbaciov. Vorrei uno spettacolo straordinario, una festa, un motivo per rincontrarsi e ridere di come eravamo, di quello che siamo diventati. Farà bene a quelli della mia generazione e farà bene anche ai millennium, che sorrideranno al pensiero di come vivevano i loro genitori. Sarà uno splendido viaggio, fatto di parole, immagini e canzoni. Voglio dividere con voi le mie emozioni più grandi. Ho un sogno rispetto a questo spettacolo: vorrei stupirvi, lasciarvi a bocca aperta e affidarvi una sensazione di gioia che vi accompagni per giorni. Mi piacerebbe farvi tornare un po’ bambini, per darvi la possibilità di riscoprire quello che abbiamo perso in questi anni. Siamo migliori di come siamo, e forse lo abbiamo dimenticato. I miei compagni fissi in questo viaggio, saranno come sempre Shalana Santana, Pina Giarmanà e cinque straordinari musicisti. Con loro al mio fianco mi sento al sicuro. Non vedo l’ora di stringervi, non vedo l’ora di buttarvi le braccia al collo… Se ce lo consentiranno, è chiaro. Buio in sala, che la festa cominci!

MODALITA' RITIRO BIGLIETTI:
I BIGLIETTI ACQUISTATI ON LINE VERRANNO INVIATI IN FORMATO DIGITALE VIA MAIL L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI SARA' FATTA CON I MIGLIORI POSTI DISPONIBILI AL MOMENTO DELL'ACQUISTO


LUNEDI' 31 OTTOBRE 2022
ROMEO & GIULIETTA
balletto in due atti liberamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare

Carola Puddu - Giulietta

Paolo Barbonaglia - Romeo

Coreografia, scene e regia

Fabrizio Monteverde

Musiche Sergej Prokof’ev

MODALITA' RITIRO BIGLIETTI:
I BIGLIETTI ACQUISTATI ON LINE VERRANNO INVIATI IN FORMATO DIGITALE VIA MAIL L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI SARA' FATTA CON I MIGLIORI POSTI DISPONIBILI AL MOMENTO DELL'ACQUISTO


DAL 3 NOVEMBRE
METTICI LA MANO

Dopo la lunga stagione dei teatri chiusi è una gioia poter annunciare il mio ritorno sulle tavole del palcoscenico. Un ritorno che segna anche una continuità artistica inedita per me: questo nuovo progetto nasce come una costola della saga de “Il commissario Ricciardi”, dopo il successo della serie televisiva a cui ho lavorato.

Dalla straordinaria e immaginifica penna di Maurizio de Giovanni, due tra i volti più colorati si staccheranno dalle vicende del filone corale del Commissario e torneranno a raccontarsi con il pubblico, ma questa volta dal vivo: il brigadiere Maione e il femminiello Bambinella. Due figure che non fatico a descrivere come “maschere”, unici tra i personaggi dei romanzi ad indossare un costume: uno con il rigore della divisa e l’altro con la leggerezza della femminilità travestita. La vicenda manterrà la sua ambientazione napoletana, città che continua amorevolmente a vivere nella mia esperienza, raccontata in un periodo temporale diverso da quello dei romanzi.

Qui troveremo una Napoli devastata dalle conseguenze del nazifascismo, martoriata dagli allarmi e dai bombardamenti, ma mai priva di quella carica di umanità e di amore per la vita. Medesimi saranno i due attori che hanno interpretato la serie tv: Antonio Milo e Adriano Falivene.

Una garanzia artistica in equilibrio tra dramma e commedia che sicuramente restituirà al pubblico la gioia di ritornare in platea. La novità è Elisabetta Mirra nel ruolo di Melina, straordinario sguardo sul sacrificio femminile di quell’epoca. Medesimi saranno anche i reparti artistici che mi affiancheranno in questa nuova avventura: chi ha amato i romanzi e la fiction ritroverà la stessa poetica e lo stesso divertimento. A completare la magia ci saranno le musiche di Marco Zurzolo. Aggiungo il piacere e l’orgoglio di collaborare con il teatro Diana, un’istituzione nella storia del teatro napoletano.

MODALITA' RITIRO BIGLIETTI:
I BIGLIETTI ACQUISTATI ON LINE VERRANNO INVIATI IN FORMATO DIGITALE VIA MAIL L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI SARA' FATTA CON I MIGLIORI POSTI DISPONIBILI AL MOMENTO DELL'ACQUISTO


Giovedì 17 novembre 2022  ore 20.30
GIUSEPPE ALBANESE, pianoforte
ORCHESTRA FILARMONICA DEL FESTIVAL PIANISTICO DI BRESCIA E BERGAMO
PIER CARLO ORIZIO, direttore
Wolfgang Amadeus Mozart – Concerto per pianoforte e orchestra n. 18 in si bemolle maggiore
456; Benjamin Britten – Young Apollo op. 16 per pianoforte, quartetto d’archi e orchestra d’archi; Wolfgang Amadeus Mozart – Concerto per pianoforte e orchestra n. 21 in do maggiore


DAL 24 NOVEMBRE

MANOLA
CON NANCY BRILLI & CHIARA NOSCHESE

Due sorelle gemelle in contrasto tra loro, come due pianeti opposti nello stesso emisfero emotivo. Anemone, sensuale e irriverente, che aderisce ad ogni dettaglio della vita con vigoroso entusiasmo, e il suo opposto Ortensia, uccello notturno, irsuta e rabbiosa creatura in cerca di una perenne rivincita. Le due per un gioco scenico si rivolgono alla stessa terapeuta dell’occulto e svuotano il serbatoio di un amore solido come l’odio. Ed è come carburante che si incendia provocando fiamme teatrali ustionanti, sotto una grandinata di risate. In realtà la Manola del titolo, perennemente invocata dalle due sorelle, interlocutore mitico e invisibile, non è altro che la quarta parete teatrale sfondata dal fiume di parole che Anemone e Ortensia rivolgono alla loro squinternata coscienza attraverso un girotondo di specchi, evocazioni, malintesi, rivalse canzonatorie.


DAL 1 DICEMBRE

BUFALE E LIÙNE

DI PAU MIRÒ
TRADUZIONE E ADATTAMENTO ENRICO IANNIELLO
REGIA GIUSEPPE MIALE DI MAURO

In Bufale racconto la storia di cinque fratelli che lavorano e vivono nella lavanderia di un quartiere difficile. Da piccoli hanno visto sparire Max, il sesto fratello. Il padre spiega loro che lo ha preso un leone e che non tornerà mai più. Un anno dopo, la madre, incapace di sopportare il dolore, sparisce, li abbandona, la mangia un leone, quello che volete. Il padre, che fino a quel momento ha sopportato tutto, un giorno non ne può più e, anche lui, sparisce. La colpa è dei leoni, dicono i fratelli. Bufale è un racconto sui vincoli familiari in una educazione alla sopravvivenza. Dopo questo prologo, ci ritroviamo in un quartiere popolare, in una lavanderia di quelle che non ce ne sono più. È una notte di luna piena. C’è una saracinesca mezza aperta, un giovane uomo che non è del quartiere entra con un solo obiettivo: far sparire la macchia di sangue dalla camicia. Nella lavanderia lavorano un padre, una madre e una figlia che sembra essersi bloccata dalla sparizione del fratello, dieci anni prima. Durante quella notte, la famiglia accoglie il giovane uomo, mette in moto la lavatrice, lo nutre, lo accoglie a dormire. Forse perché ricorda il fratellino scomparso? O forse perché è un buon partito per la figlia? E allora bisogna proteggerlo anche dal commissario, che viene a indagare per la morte di uno spacciatore nel vicolo vicino. In questa famiglia di Liùne, la violenza è sommersa, sempre sul punto di scoppiare. È una violenza nei gesti, nelle parole, negli sguardi.
In questi due testi provo a raccontare diverse prospettive dei vincoli familiari, ma anche squilibri, aggressività e solitudine generati dalla crescita delle grandi città come Barcellona o Napoli.

MODALITA' RITIRO BIGLIETTI:
I BIGLIETTI ACQUISTATI ON LINE VERRANNO INVIATI IN FORMATO DIGITALE VIA MAIL L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI SARA' FATTA CON I MIGLIORI POSTI DISPONIBILI AL MOMENTO DELL'ACQUISTO


Mercoledì 7 dicembre 2022  ore 20.30
EMANUIL IVANOV, pianoforte
Domenico Scarlatti – 5 Sonate; Ludwig van Beethoven – Sonata in re minore op. 31 n. 2 La Tempesta; Emanuil Ivanov – Tema con variazioni; Ferruccio Busoni – Sonatina n. 6 super Carmen; Franz Liszt – Après une lecture de Dante fantasia quasi sonata 10b n.7

Giovedì 15 dicembre 2022 ore 20.30
DANILO REA, pianoforte
MASSIMO MORICONI, contrabbasso
ALFREDO GOLINO, batteria
TAKE ZERO – La canzone d’autore italiana degli ultimi 30 anni in chiave jazz


DAL 22 DICEMBRE 

BIAGIO IZZO in I FIORI DEL LATTE
Di Eduardo Tartaglia 

con  Mario Porfito, Angela De Matteo, Stefano Jotti, Stefano Meglio e Ivan Senin

La storia è ambientata in un caseificio di prossima apertura, dove due cugini, Aniello e Costantino, dopo anni di sacrifici decidono d’investire tutti i loro risparmi. L'azienda punta a diventare un’oasi ecologica dove ogni prodotto è naturale, senza additivi chimici. Un caseificio situato una zona nota alle cronache per lo sversamento dei rifiuti tossici.

Purtroppo, però, alla vigilia dell’inaugurazione i due cugini scoprono la presenza di bidoni sospetti. Cosa fare? Denunciare tutto e far chiudere l’azienda ancor prima che apra, oppure fare finta di niente e doversela vedere con la propria coscienza?


MODALITA' RITIRO BIGLIETTI:
I BIGLIETTI ACQUISTATI ON LINE VERRANNO INVIATI IN FORMATO DIGITALE VIA MAIL L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI SARA' FATTA CON I MIGLIORI POSTI DISPONIBILI AL MOMENTO DELL'ACQUISTO


MARTEDI' 22 MARZO 2023
Tommy Emmanuel special guest Mike Dawes
TEATRO ACACIA NAPOLI

PLATEA € 46.00 / GALLERIA € 34.50