Teatro Diana


SOGNO E SON DESTO .... OGGI E' UN ALTRO GIORNO

l nuovissimo spettacolo musicale con il titolo ancora in via di definizione con il grande Massimo Ranieri. L’attesissimo debutto con la grande musica con un padrone della scena assoluto, capace di sorprendere sempre, senza mai tradire lo stile raffinato e popolare che lo rende un autentico istrione.

La Direzione del Teatro Diana, in accordo con la produzione dell’artista Massimo Ranieri, comunica che le repliche sospese dello spettacolo “Sogno e Son desto” saranno recuperare dal 24 al 29 gennaio 2023 e dal 24 febbraio al 5 marzo 2023.


DAL 14 AL 23 OTTOBRE 

NAPOLETANO ? E FAMME NA' PIZZA

Scritto, diretto ed interpretato

da Vincenzo Salemme

Scene e costumi

Francesca Romana Scudiero

Musiche: Antonio Boccia

in collaborazione con Valeria Esposito

Napoletano? E famme ‘na pizza” è uno spettacolo che nasce dal mio libro uscito con lo stesso titolo agli inizi di marzo. Titolo che fa riferimento ad una battuta di una mia commedia teatrale, “E…. fuori nevica”, nella quale uno dei personaggi chiede al fratello di dimostrare la sua presunta napoletanità facendogli una pizza. E sì, perché ogni buon napoletano deve saper fare le pizze, deve saper cantare, deve essere sempre allegro, amare il caffè bollente in tazza rovente, ogni napoletano che si rispetti deve essere devoto a San
Gennaro, tifare Napoli, amare il ragù di mamma’… e via così con gli stereotipi che rischiano di rendere la vita di un napoletano più simile ad una gabbia che ad un percorso libero e indipendente. Tutte le città vivono sulla propria pelle il peso degli stereotipi ma Napoli più di ogni altra. E, molto spesso, sono i
napoletani stessi a pretendere dai propri concittadini una autenticità così ortodossa da rischiare l’integralismo culturale. Allora io con questo spettacolo provo a capire, in chiave ironica, se sono un napoletano autentico o un traditore dei sacri e inviolabili usi e costumi della nostra terra. Cominciando
dalla confessione di un primo tradimento, una sorta di peccato originale che rischierebbe di intaccare la mia immagine di attore comico napoletano. Così, il più delle volte, mi definiscono quando mi presentano da qualche parte. Ed io, il più delle volte sto zitto. Ebbene, confesso il mio peccato: io non sono nato a
Napoli ma a Bacoli, in provincia di Napoli! Quindi questo che vuol dire? Che non sono napoletano d.o.c.? Significa che da anni usurpo un titolo culturale? Voglio cercare con voi la risposta a questa domanda: “sono” napoletano o “faccio” il napoletano? Aiutatemi!

MODALITA' RITIRO BIGLIETTI:
I BIGLIETTI ACQUISTATI ON LINE VERRANNO INVIATI IN FORMATO DIGITALE VIA MAIL L'ASSEGNAZIONE DEI POSTI SARA' FATTA CON I MIGLIORI POSTI DISPONIBILI AL MOMENTO DELL'ACQUISTO